Codacons: no all’assicurazione obbligatoria contro catastrofi naturali

1

10 Novembre 2018 di ilbroker

Abbiamo letto con stupore quanto detto dal Codacons. Le polizze “catastrofi naturali” non sono un regalo alle Compagnie Assicurative!

“No alle assicurazioni obbligatorie contro le catastrofi naturali”. È la posizione espressa oggi dal Codacons, che si dice contrario a qualsiasi ipotesi di assicurazione obbligatoria contro le calamità naturali. La reazione scaturisce dalle dichiarazioni di Maria Bianca Farina, presidente dell’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania). Per l’Ania in Italia “sulle catastrofi naturali serve una soluzione strutturale, una soluzione di sistema, che oggi ancora non c’è”. E va presa in considerazione una partnership pubblico-privato.

“Sulle catastrofi naturali l’Italia è molto esposta, lo stiamo verificando ogni giorno. Il Paese è molto fragile”, ha detto a margine di un incontro la presidente Farina sottolineando che l’Ania ha presentato un progetto al governo perché si prenda in considerazione una “partnership pubblico-privato”. Secondo Farina “vanno messe in campo tutte le risorse e tutti gli strumenti nel miglior modo possibile. Quello delle catastrofi naturali è un tema che si ripeterà e serve una soluzione strutturale, di sistema che oggi ancora manca. Siamo forse uno dei pochissimi Paesi sviluppati a non averla”.

Un’ipotesi che non piace al Codacons. Sostiene il presidente dell’associazione Carlo Rienzi: “Ogni volta che in Italia si verificano calamità naturali si propone come unica soluzione quella di obbligare i cittadini ad assicurare la propria abitazione contro il rischio catastrofe. Una ipotesi che configurerebbe un enorme regalo alle compagnie di assicurazioni senza portare benefici concreti ai cittadini. Se le case infatti sono costruite nel rispetto delle leggi e in aree sicure, non si vede perché costringere i proprietari a contrarre una polizza obbligatoria contro le calamità”.

“Inoltre – prosegue Rienzi – in assenza di tariffe calmierate imposte dallo Stato, si determinerebbe una abnorme disparità:da un lato l’obbligo per i cittadini di assicurare un immobile, dall’altro la totale libertà delle compagnie di assicurazioni di applicare le tariffe che preferiscono, con crescite abnormi di anno in anno come avvenuto per l’rc auto”.

One thought on “Codacons: no all’assicurazione obbligatoria contro catastrofi naturali

  1. Roberto Patanè ha detto:

    Quello che sostiene il Presidente del Codacons è nè più nè meno una totale diffidenza gratuita del comparto assicurativo. Altre nazioni, tipo Giappone, Cina, Usa e persino Turchia utilizzano lo strumento assicurativo come partner economico unito allo stato per danni catastrofali ben più elevati.I tre ultimi cicloni che hanno attraversato gli USA hanno fatto danni per 265 bilioni di $.Ancora pretendiamo che i catastrofali li paghi lo Stato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quante visite?

  • 2.267.207 Visite

Seguici via mail

Unisciti a 9.467 altri iscritti

AEC SPA

AFI – ESCA

Tecnica Commerciale o Tecnica Assuntiva?

  • STA PER USCIRE IL NUOVO LIBRO di Mirko ODEPEMKO
  • PRENOTALO
  • MANDA email a info@ilbroker.it

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 – 16122 Genova. Testata Telematica – Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.