Allianz alla guida del cambiamento verso un’economia a basse emissioni di carbonio con un ambizioso pacchetto di protezione del clima

Lascia un commento

10 maggio 2018 di ilbroker

·        Ritiro dall’assicurazione di singole centrali elettriche a carbone e miniere di carbone in funzione o in fase di realizzazione, con effetto immediato

·        Esclusione dei rischi collegati al carbone entro il 2040 nel business Danni e negli investimenti di proprietà

·        Partecipazione alla Science Based Target Initiative: impegno per lo sviluppo a lungo termine di un’economia senza emissioni di carbonio

Monaco di Baviera, 4 maggio 2018

Il Gruppo Allianz sta ampliando in modo significativo la sua strategia sul clima e ha annunciato l’impegno a sostenere attivamente nei prossimi decenni il cambiamento globale verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Allianz è uno dei primi Gruppi assicurativi a stabilire obiettivi climatici a lungo termine, collegati al target di due gradi stabilito dall’accordo di Parigi sul clima. Entro il 2040, con un processo graduale, Allianz eliminerà sia gli investimenti proprietari in attività basate sul carbone sia la copertura assicurativa di tali rischi. Inoltre, l’azienda ridurrà la propria impronta di carbonio entro il 2040, ad esempio attraverso una maggiore percentuale di energie rinnovabili nell’acquisto di elettricità.

Lo scopo dichiarato della strategia per il clima è garantire l’integrazione dell’obiettivo di due gradi in tutte le collegate attività del Gruppo Allianz. Insieme a partner della scienza, della società civile e dell’economia nell’ambito della non-profit Science Based Target Initiative (SBTi), Allianz svilupperà i relativi metodi e obiettivi entro la fine dell’anno. Tutto ciò si basa sul consolidato approccio ESG (Environment-Social-Governance) della società.

“Il cambiamento climatico genera enormi rischi economici e sociali. Oggi sta già danneggiando milioni di persone”, spiega il CEO di Allianz SE Oliver Bäte. “In qualità di assicuratori e investitori leader, vogliamo promuovere la transizione verso un’economia rispettosa del clima.” Nel 2015, la comunità mondiale degli Stati ha deciso di limitare il riscaldamento globale a meno di due gradi Celsius per evitare gravi rischi associati ai cambiamenti climatici. Allianz sostiene questa trasformazione a lungo termine anche finanziando le energie rinnovabili ed è leader mondiale nella fornitura di assicurazioni speciali per gli impianti di produzione di energia rinnovabile.

Per l‘investimento dei premi dei suoi clienti assicurativi, Allianz definisce come uno dei suoi obiettivi a lungo termine quello di strutturare gli investimenti negoziabili in tutti i settori ad alta intensità di carbonio in modo che risultino neutrali per il clima. Le aziende che non riusciranno ad adeguare le loro emissioni di gas effetto serra all’obiettivo di due gradi nei prossimi decenni saranno gradualmente rimosse dal portafoglio. Ciò sarà attuato, ad esempio, attraverso un dialogo attivo con le aziende e attraverso richieste di obiettivi a lungo termine per la protezione del clima, simili all’approccio a punteggio ESG, che è già applicato a società ad alto rischio ESG. “Siamo convinti che il nostro approccio migliorerà ulteriormente il profilo di rischio/rendimento del nostro portafoglio a lungo termine e rafforzeremo così la nostra posizione di investitore lungimirante”, spiega Günther Thallinger, membro del Board of Management di Allianz SE e responsabile per gli investimenti e l’ESG. “Come investitori di lungo termine, vogliamo trasformare l’economia insieme ai nostri clienti in modo che sia rispettosa del clima. Svilupperemo quindi strategicamente le nostre opportunità di investimento nelle nuove tecnologie.”

Inoltre, la soglia massima di emissioni di carbonio da parte delle aziende del settore energetico che Allianz finanzia verrà successivamente abbassata per gradi, cinque punti percentuali alla volta, partendo dall’attuale 30% per arrivare allo 0% entro il 2040. Tale soglia si riferisce o ai ricavi generati da società minerarie mediante estrazione di carbone o alla percentuale di elettricità generata dal carbone da parte di società energetiche. Il prossimo adeguamento avverrà entro i prossimi cinque anni. Con effetto immediato, Allianz non investirà più in società energetiche che mettono a rischio l’obiettivo di due gradi costruendo estensivamente centrali funzionanti a carbone.

Nel business Danni, con effetto immediato Allianz non fornirà più assicurazioni a centrali elettriche a carbone o a miniere di carbone, che siano operative o in fase di realizzazione. Le aziende che generano elettricità da molteplici fonti, come carbone, altri combustibili fossili o energie rinnovabili, continueranno ad essere assicurate e rivedute individualmente sulla base di criteri ESG definiti. Tuttavia, l’obiettivo dichiarato di Allianz è di eliminare completamente i rischi del carbone nel business assicurativo entro il 2040. “Informeremo attivamente i nostri clienti sulle implicazioni a breve termine e sui cambiamenti strategici a lungo termine. Lavoreremo a stretto contatto con loro per trovare soluzioni adeguate che consentano un percorso congiunto verso un’economia a basse emissioni di carbonio”, afferma Chris Fischer Hirs, CEO di Allianz Global Corporate and Specialty, l’assicuratore industriale globale del Gruppo Allianz, che attuerà le nuove linee guida come le altre entità Allianz in tutto il mondo.

Informazioni sulla Science Based Target Initiative

La SBTi è un’organizzazione senza scopo di lucro avviata, fra gli altri, dall’UN Global Compact, dalla Carbon Disclosure Initiative e dal World Wildlife Fund (WWF). Il suo scopo è quello di supportare le società di 45 settori di tutte le parti del mondo nello stabilire obiettivi di riduzione delle emissioni che siano in linea con il raggiungimento degli obiettivi climatici internazionali.

Il settore finanziario è messo alla prova dalla mancanza di metodi e strumenti analitici sul mercato per valutare l’impronta di carbonio su basi scientifiche. Pertanto, Allianz sta lavorando con altri player offrendo la sua expertise e i suoi approcci di sostenibilità per aiutare a sviluppare una metodologia appropriata per il settore finanziario. Più informazioni su http://sciencebasedtargets.org/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 1,951,822 Visite

Spazio per Te

Segui assieme ad altri 9.073 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

Blog Per Innovare

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: