L’Avv. Gian Carlo Soave risponde:”Responsabilità del medico di base”

Lascia un commento

27 Febbraio 2018 di ilbroker

Si segnala la sentenza n. 3869/2018 con la quale la Cassazione ha stabilito che se il medico di base non effettua una diagnosi per macroscopica superficialità deve essere condannato penalmente per la successiva morte del paziente anche se altri medici si sono occupati del medesimo soggetto incorrendo nelle stesse omissioni.

Secondo la Suprema Corte il ruolo del medico di base non è certo qualificabile come amministrativo e limitato alla prescrizione di medicinali come affermato dalla difesa del sanitario: “la professione medica impone ben altra diligenza“.

Gli Ermellini in relazione al nesso di causalità tra omissione del sanitario e decesso del paziente hanno affermato che l’interruzione del nesso tra condotta ed evento si ha solo quando dalla causa sopravvenuta derivi un “rischio nuovo ed incommensurabile, del tutto incongruo rispetto al rischio originario attivato dalla prima condotta“.

Nella fattispecie la morte del paziente era derivata dalla frattura non tempestivamente diagnosticata e non da un fattore successivo ed imprevedibile: se un evento che un’azione avrebbe dovuto o potuto impedire si verifica anche per l’omissione di un altro soggetto intervenuto successivamente detto evento “avrà due antecedenti causali, non potendo il secondo assurgere a fatto eccezionale, sopravvenuto, sufficiente da solo a produrre l’evento“.

Avv. Gian Carlo Soave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quante visite?

  • 2.265.166 Visite

Seguici via mail

Unisciti a 9.469 altri iscritti

AEC SPA

AFI – ESCA

Tecnica Commerciale o Tecnica Assuntiva?

  • STA PER USCIRE IL NUOVO LIBRO di Mirko ODEPEMKO
  • PRENOTALO
  • MANDA email a info@ilbroker.it

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 – 16122 Genova. Testata Telematica – Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.