Aumenti in welfare

Lascia un commento

29 gennaio 2018 di ilbroker

Benefit anziché soldi in busta paga

Il 58,7% dei lavoratori è favorevole a trasformare aumenti retributivi in prestazioni di welfare. Lo rivela il primo Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, secondo cui i più propensi sono i dirigenti e i quadri (73,6%), i lavoratori con figli piccoli, fino a 3 anni (68,2%), i laureati (63,5%), i lavoratori con redditi medio-alti (62,2%). Meno favorevoli sono gli operai, i lavoratori esecutivi e quelli con redditi bassi. Tra gli operai (41,3%) e gli impiegati (36,5%) sono più elevate le quote di lavoratori che preferiscono avere più soldi in busta paga che soluzioni welfare. Il rapporto sottolinea però che il welfare aziendale non può rappresentare una risposta alla «fame» arretrata di reddito nelle fasce stipendiali più basse. «Il welfare aziendale» si legge nello studio», è uno strumento indiretto di integrazione dei redditi, ma non può e non deve essere sostitutivo degli incrementi retributivi. L’attuale normativa che premia fiscalmente il welfare aziendale sta avendo il merito di far crescere il settore, ma nel medio periodo rischia l’effetto paradossale di favorire di più i lavoratori con redditi alti e non quelli con redditi più bassi e con maggiori fabbisogni sociali».

Il livello di conoscenza del welfare aziendale è abbastanza scarso: solo il 17,9% dei lavoratori ha una conoscenza precisa mentre il 58,5% lo conosce per grandi linee e il 23,6% non sa cos’è. Ne hanno una conoscenza minore i lavoratori con livelli più bassi di scolarità (il 47% di quelli con al più la licenza media non sa cos’è), quelli con redditi bassi (44,6%), i genitori single (40,3%), gli occupati con mansioni esecutive e manuali (36,7%).

Chi però conosce meglio il welfare aziendale lo apprezza di più: è favorevole il 74,4% di chi lo conosce in modo preciso rispetto al 43,3% di chi non lo conosce. Inoltre, il 47,7% dei lavoratori è favorevole perché è convinto che migliori il clima in azienda e il 16,8% perché fa aumentare la produttività dei lavoratori.

La prestazione di welfare aziendale maggiormente desiderata dai lavoratori è quella relativa alla sanità: secondo il Rapporto è indicata dal 53,8% degli occupati. A seguire i servizi più richiesti sono quelli relativi alla previdenza integrativa (33,3%), ai buoni pasto e alla mensa aziendale (31,5%), al trasporto da casa al lavoro (ad esempio, l’abbonamento per i trasporti pubblici è indicato dal 23,9% dei lavoratori). Quindi, buoni acquisto e convenzioni con negozi (21,3%), asilo nido, centri vacanze e rimborsi per le spese scolastiche dei figli (20,5%).

FONTE: italia Oggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 2.234.039 Visite

Buone Feste Genialloyd

Segui assieme ad altri 9.438 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

Tecnica Commerciale o Tecnica Assuntiva?

  • STA PER USCIRE IL NUOVO LIBRO di Mirko ODEPEMKO
  • PRENOTALO
  • MANDA email a info@ilbroker.it

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: