IL MATTONE? PER GLI ITALIANI È ANCORA UN BUON INVESTIMENTO MA SONO SEMPRE PIÚ FRENATI DA TASSE E NORMATIVE

Lascia un commento

24 gennaio 2018 di ilbroker

Se più di un italiano su due crede ancora nel valore del mattone (54%), il 46% teme gli effetti di normative e tassazioni.

La proprietà vince comunque sull’affitto: l’84% preferisce vivere dentro le proprie mura.

Per gli italiani la casa è da sempre un grande bene sia economico che affettivo. L’ultima ricerca dell’Osservatorio di Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, lo conferma: più di un italiano su due infatti (54%) ha dichiarato di credere ancora nel valore del mattone, ma rispetto al passato ammette di avere molte paure. La più grande preoccupazione è legata all’incertezza su tasse e cambiamenti normativi che, vuoi con l’introduzione di obblighi o il venir meno di agevolazioni e detrazioni, preoccupa quasi un connazionale su due (46%).

A suscitare timori sono anche le potenziali fluttuazioni del mercato immobiliare (44%), gli eventi catastrofali come terremoti e inondazioni (32%) e il potenziale peggioramento del contesto ambientale circostante, provocato dal degrado, da interventi edilizi o da aumenti del livello di criminalità e inquinamento della zona (41%).

Nonostante queste preoccupazioni, l’abitazione continua a rivestire un ruolo molto importante come investimento per il futuro proprio e della propria famiglia, vedendo nel patrimonio immobiliare un bene rifugio per tempi incerti (28%), una forma di investimento finalizzata all’affitto (28%) o alla rivendita (17%), o un lascito per i propri figli (27%).

Secondo i dati emersi dalla ricerca, poi, proprietà batte affitto 1 a 0: ben l’84% degli intervistati preferisce infatti abitare in una casa di proprietà rispetto alla casa in affitto. Il 38% degli italiani, in particolare, investirebbe nella sua stessa città, il 16% in campagna o all’estero e il 15% in piccoli centri cittadini.

Non tutti, però, la pensano così: il 21% dei connazionali, infatti, non crede nel valore del mattone come bene di investimento e il 16% preferirebbe l’affitto alla proprietà perché – afferma – comporta meno responsabilità (50%), meno tasse (29%) ed è una formula più flessibile, particolarmente adatta a chi ha la necessità di muoversi più facilmente e cambiare casa e città in modo agevole (21%).

Ma come proteggere il valore dell’abitazione? Un italiano su tre (35%) ritiene che di fatto non sia possibile tutelarsi, mentre un ulteriore 38% ritiene che la soluzione sia tenersi sempre aggiornato sulle novità normative e l’andamento del mercato immobiliare (38%). Un altro 24% si proteggerebbe con una polizza assicurativa specifica (24%) e il 19% si rivolgerebbe a un consulente.

La nostra ricerca evidenzia come la casa per gli italiani continui a rappresentare un bene molto importante, non solo come ambiente di vita per l’individuo e per la famiglia ma anche come forma di investimento per il domani. Considerata la sua importanza, l’abitazione è allora uno fra i beni che meritano maggiore attenzione e tutela e che è quindi fondamentale proteggere con adeguate coperture”, commenta Marco Brachini, Direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni.

1Indagine CAWI condotta dall’istituto di ricerca Nextplora nel 2017 su di un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d’età, sesso ed area geografica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 1,781,413 Visite

GenialPiù

Spazio per Te

Segui assieme ad altri 8.800 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

ACB

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: