Assicurazioni hanno ridotto portafoglio governativi – Bankitalia

Lascia un commento

27 Novembre 2017 di ilbroker

Nei mesi più recenti le assicurazioni italiane hanno ridotto il loro portafoglio di titoli di Stato, sia italiani sia esteri, nell‘ambito di una politica di diversificazione degli attivi.

È quanto scrive Banca d‘Italia nel suo Bollettino sull stabilità finanziaria.

In particolare, si legge, tra marzo 2016 (primo mese per il quale sono disponibili dati comparabili) e giugno 2017, “l‘incidenza dei titoli governativi sul totale degli attivi si e ridotta di quattro punti percentuali (17 miliardi) a fronte di un aumento di quella dei titoli privati e dei fondi comuni di investimento”.

Bankitalia osserva comunque che la quota dei governativi nel portafoglio delle compagnie assicurative italiane rimane più alta rispetto a Francia, Germania e Regno Unito.

Rispetto a questi paesi, prosegue il rapporto, “il peso delle azioni è in linea con la loro media; l‘incidenza delle obbligazioni private (20%) e dei fondi di investimento è invece molto più bassa. Per le compagnie italiane la quota relativa a emittenti nazionali è pari all‘88% nel comparto dei titoli di Stato e al 27 in quello delle obbligazioni private”.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quante visite?

  • 2.267.701 Visite

Seguici via mail

Unisciti a 9.467 altri iscritti

AEC SPA

AFI – ESCA

Tecnica Commerciale o Tecnica Assuntiva?

  • STA PER USCIRE IL NUOVO LIBRO di Mirko ODEPEMKO
  • PRENOTALO
  • MANDA email a info@ilbroker.it

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 – 16122 Genova. Testata Telematica – Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.