AXA Art – Prosegue l’impennata degli investimenti in auto classiche

Lascia un commento

12 novembre 2017 di ilbroker

Secondo una nuova relazione stilata da AXA ART e ADEMY, nell’ultimo decennio questi beni alternativi ad alto rendimento hanno fatto registrare una crescita pari al +192%.

 

 

Le auto d’epoca coronano i sogni a quattro ruote dei proprietari e ne arricchiscono il conto in banca. Questo è quanto emerge da una recente relazione stilata da AXA ART, principale specialista globale del settore assicurativo per l’arte, insieme ai dati ADEMY (Automotive Data Evaluation Market Yield). La relazione conferma che nell’arco di un decennio, dal 2006 al 2017, i valori delle auto classiche hanno favorito una crescita media del valore degli investimenti pari al +192% rispetto alla crescita del +84% dei valori dello S&P Global Luxury Index.

 

Sulla base dei dati relativi alle transazioni di auto d’epoca effettuate nel periodo dal 2006 al 2017, la relazione evidenzia che dal 2006 ad oggi, la performance delle auto d’epoca è rimasta costantemente solida rispetto ad altre classi di investimento alternative, facendo registrare un picco nel 2015.

 

Se da un lato le attuali condizioni di mercato hanno registrato alcune inversioni di tendenza legate ad un maggiore afflusso di automobili con la conseguente riduzione dei prezzi nel 2016, dall’altro, il mercato delle auto d’epoca nel 2017 ha continuato comunque a crescere a ritmo del 3% su base annua.

 

L’impulso maggiore alla crescita sul lungo termine proviene dalla categoria di auto cosiddetta top-lot, con un valore di almeno 1 milione di dollari. Nelle aste chiave di Pebble Beach del 2017, le vendite di auto da 1 milione di dollari sono aumentate del 25%, a quota 70, rispetto al 2016. I veicoli della categoria da almeno 1 milione di dollari detengono il 40% del valore di mercato, sebbene rappresentino soltanto il 2% in termini di volume.

 

Tuttavia, AXA ART rileva anche una tendenza al rialzo degli acquisti di auto small-cap o mid-cap, con un valore rispettivamente inferiore ai 100.000 dollari e compreso tra 100.000 e 1 milione di dollari, specie da parte di acquirenti che le considerano un ricordo di gioventù. Il risultato è una forte domanda di Porsche degli anni ‘80 e ‘90.

 

A proposito di questo report sulle auto classiche Italo Carli, Direttore Generale di AXA ART Italia afferma “La survey sul mercato delle auto classiche è partita nel 2015 come progetto pilota proprio su iniziativa di AXA ART Italia: l’entusiasmo e la curiosità con la quale è stata accolta anche a livello internazionale mi rendono particolarmente orgoglioso.” e continua “La ragione che ci ha spinto ad approfondire insieme ad ADEMY la conoscenza di questo particolare segmento di mercato è la volontà di dare risposte competenti. L’approccio di AXA ART è infatti quello di proporre soluzioni che sono il risultato di ricerca e acquisizione di know how per soddisfare le esigenze del cliente con professionalità”.

 

 

 

 

Gianluigi Vignola di ADEMY sostiene che “sono evidenti i segnali di assestamento. Le tre aste statunitensi di agosto hanno venduto beni per un volume pari a 274 milioni di dollari, rispetto ai 356 milioni del 2014. Il prezzo medio di un’autovettura di Gooding è sceso passando da 1 milione di dollari dello scorso anno agli 850.000 di quest’anno. Con tutta probabilità, Classic Saloon non sfrutta mai nel breve termine il suo alto potenziale. Per via della loro rarità, le auto dei segmenti Veteran e Vintage (1905-1930) continuano a rappresentare una fetta di mercato entry level molto bassa, ma i prezzi sono tuttora in sospeso, almeno finché non saranno organizzati nuovi eventi dedicati, come la London-Brighton o la Mille Miglia, che possano risvegliare l’interesse dei collezionisti”.

 

La crescita delle auto d’epoca conferma il trend positivo rispetto ad altri investimenti alternativi, sebbene nella prima metà del 2017 spicchino beni dalle performance eccellenti come i gioielli, leader della classe di investimento, e le opere d’arte, due categorie che fanno registrare una crescita rispettivamente del +18% e del +5%.

 

Gli articoli di gioielleria si confermano i beni alternativi con la maggior crescita del valore su base decennale, con un incremento del +235% dal 2006 nell’arco di dieci anni; le auto d’epoca si posizionano al secondo posto, superando tutti gli altri beni alternativi fra cui opere d’arte, vino, orologi e lo S&L Global Luxury Index.

FONTE: Il Broker

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 2.167.797 Visite

Spazio per Te

Segui assieme ad altri 9.380 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

Blog Per Innovare

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: