Disastri: Coviello (Cnr), Italia e Campania ad alto rischio. 

1

19 ottobre 2017 di ilbroker

Valutare, gestire e mitigare i rischi e’ la parola d’ordine per il 2017, che e’ dedicato alla riduzione significativa del numero di persone coinvolte dai danni catastrofali a livello mondiale entro il 2030″ ha spiegato Antonio Coviello, ricercatore CNR e professore di Marketing assicurativo nell’Universita’ Suor Orsola Benincasa di Napoli, intervenendo al convegno “Casa Italia ed eventi sismici” tenutosi al PAN di Napoli. “Le catastrofi naturali – ha aggiunto – sono un problema globale dall’elevato impatto economico e sociale ed in particolare l’Italia e’ uno dei Paesi maggiormente colpiti negli ultimi 20 anni: con oltre 1.000 vittime, siamo il sesto Paese al mondo per danni subiti (circa 58 mld di dollari) ed ogni anno il settore pubblico interviene per circa 3 mld¬ di danni” “Il 78% delle abitazioni italiane e’ esposto ad un rischio alto o medio alto tra terremoto e idrogeologico – ha spiegato nella sua relazione Coviello – Il 35% delle abitazioni italiane e’ esposto a elevato rischio sismico, Il 55% delle abitazioni italiane e’ esposto a elevato rischio idrogeologico. Il rischio sismico riguarda gran parte del territorio italiano (56,8%), dove vivono circa 23 milioni di persone: ben 4610 comuni su 8112. E la Campania ha un potenziale di ‘rischio catastrofale’ considerato tra i piu’ alti d’Italia”. Le regioni, infatti, che hanno mostrato un incremento significativo delle esposizioni sono state la Campania, la Puglia, il Veneto e la Sardegna (fonte PERILS)”. “I fenomeni climatici negli ultimi anni stanno aumentando per frequenza e intensita’. Ma la spesa pubblica per vincoli di bilancio non puo’ ancora crescere e la spesa privata diventa sostenibile solo se aumenta la consapevolezza e la dei rischi: e’ necessario quindi oggi nel nostro Paese intervenire prima del verificarsi degli eventi, soprattutto in opere di prevenzione oltre ad attivare ed efficientare tutte le risorse disponibili in ottica strutturata e pianificata, cosi’ come avviene gia’ in 22 Paesi”, ha proseguito il ricercatore. “L’Italia, Paese molto esposto al rischio catastrofale, ha bisogno di un «cambio di strategia», che porti ad una gestione preventiva e strutturata dei rischi: un intervento strutturato di partnership tra lo Stato e il settore privato non e’ piu’ rinviabile” ha concluso l’esperto.
FONTE: ANSA

One thought on “Disastri: Coviello (Cnr), Italia e Campania ad alto rischio. 

  1. Fabrizio Morana ha detto:

    Ottima analisi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Quante visite?

  • 2,077,964 Visite

Spazio per Te

Segui assieme ad altri 9.269 follower

AEC SpA

AFI – ESCA

Blog Per Innovare

Il Broker – Il Blog per l’Intermediario Assicurativo.

Direttore Responsabile: Dott. Luca Florenzano. Sede Editoriale: Via Goffredo Mameli, 1 / 2 - 16122 Genova. Testata Telematica - Iscrizione al n. 6/2016 del Registro Stampa presso il Tribunale di Genova con Decreto Presidenziale del 5 Agosto 2016.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: